Beauty Report 2018

21/06/2018

In occasione dell’Assemblea annuale del 21 giugno 2018, all'interno di Palazzo Visconti di Milano, viene presentata la terza edizione del progetto editoriale che vede l’accorpamento delle due pubblicazioni che raccontano l’evoluzione del settore: il Beauty Report e il Rapporto Annuale.

La prima, giunta all'ottava edizione, è l’appuntamento culturale che si propone l'obiettivo di mettere a disposizione delle istituzioni, degli operatori e dei media le informazioni e le interpretazioni fondamentali che contraddistinguono il settore stesso e che lo rendono sicuramente unico, basato com’è su un ruolo di “arte” unificante ed universale della cosmetica, che ha bisogno di avere alle spalle un’industria che investa – come avviene – in ricerca, creatività, sicurezza e innovazione, offrendo risposte efficaci ai bisogni in continua evoluzione dei consumatori. Il focus di questa edizione approfondisce le relazioni col sistema bancario ed extrabancario, nonché l’evoluzione degli atteggiamenti e dei comportamenti dei consumatori. Vengono inoltre illustrati i risultati di un’analisi dei bilanci delle imprese del comparto cosmetico, effettuando un confronto con altri settori del Made in Italy.
La seconda pubblicazione, la cinquantesima della serie, parte dalla raccolta dei dati e delle statistiche annuali e ne propone l’analisi dettagliata, spiegando le dinamiche che la caratterizzano e proponendo approfondimenti non solo in materia di commercio internazionale e di investimenti, ma anche relativamente alla composizione del territorio e dei canali di distribuzione.

Terza edizione quindi per il progetto integrato che prosegue nell’obiettivo storico di spiegare la continuità dei fondamentali dell’industria cosmetica e come essi si integrino positivamente nel ciclo economico del paese.
 
Quattro sono i passaggi fondamentali evidenziati per capire il Beauty Report:   
   

1. Primo passaggio: si è davanti ad un comparto che conferma una costante dinamica positiva (anche consistente) sul piano della produzione e dell’export lungo tutto il passato decennio;

2. Secondo passaggio: i consumatori di prodotti cosmetici sono definitivamente usciti dalla fase, a tratti un po’ “quaresimale”, della crisi recuperando una soggettualità a pieno respiro;

3. Terzo passaggio: le imprese cosmetiche appaiono essere protagoniste della ripresa, potendo raccogliere i frutti di una resilienza continuata che si riflette nell’andamento positivo dei vari esercizi e in un atteggiamento volto a promuovere una continua trasformazione delle aziende insieme ad una propensione a-ciclica ed anti-ciclica degli investimenti;

4. Quarto passaggio: le aziende cosmetiche presentano un rapporto sostanzialmente buono, anche se con qualche critica, col sistema bancario.