Centro Studi

Congiuntura, trend e mercati nel settore cosmetico

Mercoledì 27 ottobre, si è tenuta via webinar la consueta rilevazione congiunturale curata dal Centro Studi di Cosmetica Italia. L'indagine ha analizzato i dati preconsuntivi dei primi sei mesi dell’anno e le previsioni per il secondo semestre 2021, con un focus sul nuovo equilibrio dell'offerta e della domanda cosmetica in Italia nel post pandemia.

Congiunturale 2021 - primo semestre

Incertezze e opportunità. Queste, in sintesi, le situazioni che si trova ad affrontare l'industria cosmetica nel momento della ripresa dopo l'emergenza Covid-19. Le incertezze sono legate a uno scenario macroeconomico in ripresa ma ancora incerto, oltre a tensioni che intaccano la filiera, a partire dai costi delle materie prime, dalle difficoltà di pianificazione e dalla incertezza su alcuni canali sia nazionali che internazionali. Le opportunità sono rappresentate da una situazione in repentina evoluzione per quanto riguarda i consumi ma soprattutto per i nuovi approcci che il consumatore ha posto in essere.

Export cosmetico nel primo semestre 2021

Il flusso commerciale estero rappresenta la cartina tornasole della fiducia degli operatori internazionali nei confronti dell’industria cosmetica italiana. I segnali positivi emergono in misura rilevante nel primo semestre 2021: unitamente all’ottimismo evidenziato dal mercato interno, si conferma un roseo quadro che lascia ben intuire la piena ripresa dei valori pre-crisi, stimata nel corso del 2022.

L’evoluzione del consumatore ha una marcia in più

Anticipato già con i primi trend intercettati a ripresa avvenuta, i mutamenti di atteggiamento degli atti di acquisto hanno subito profonde accelerazioni.

Proprio sul cambiamento della domanda in generale, in tutti i mercati, l’Istituto Piepoli dispone di alcune macro informazioni grazie alla collaborazione culturale con l’istituto pubblico di ricerca australiano Commonwealth Science and Industry Research Organization (CSIRO).

L’erboristeria e l’orientamento all’innovazione

L’erboristeria si contraddistingue, rispetto alle altre realtà distributive di cosmetici in Italia, per una serie di  aspetti legati alla storicità e alla tradizione. Analogamente, negli anni passati, anche i consumatori che si sono interfacciati con questo canale sono stati spinti da driver di acquisto allineati con il sistema valoriale dell’erboristeria.

Cosa resta post-pandemia?

Durante l’attraversamento della crisi da Covid-19 il consumatore ha impostato nuove routine di acquisto e di consumo, con una maggiore attenzione al proprio benessere psico-fisico e una rimodulazione di accesso ai canali informativi e distributivi.

L’importanza del valore ai tempi del Covid-19

Grazie a Mintel viene intercettato un trend in forte accelerazione durante l’attraversamento della crisi pandemica. Il concetto di «valore» della marca è mutevole già in uno scenario stabile: durante i lockdown si è registrato un ancora più evidente spostamento della percezione valoriale attribuita al cosmetico.

Il mercato cosmetico in Italia nel primo semestre 2021

A oltre sedici mesi dall’inizio della pandemia, il mercato cosmetico in Italia ha registrato accelerazioni nei fenomeni di consumo fortemente condizionati dai lockdown ma, a ripresa avvenuta, alcuni di questi hanno affievolito la loro portata, mentre altri manterranno curve stabili di crescita.