Centro Studi

Congiunturale 2015 - secondo semestre

La rilevazione congiunturale online di fine 2015 registra una situazione più ottimistica rispetto ai precedenti esercizi e rimodula il sentiment degli operatori intervistati, orientati verso una più soddisfacente valutazione del mercato interno, ma ancora preoccupati per la lenta ripartenza di alcuni indicatori. Come accade da alcuni anni, sono le esportazioni a sostenere i fatturati dell’industria, che resta tuttavia meno penalizzata dal mercato interno, in ripresa seppur di pochissimi punti percentuali. A fine 2015 il valore della produzione, il sell-in, cresce del 4,1% per un valore di oltre 9.700 milioni di euro e analoghe crescite sono attese per il 2016: sicuramente sui fatturati impattano in misura evidente le esportazioni, che nel 2015 si avvicinano ai 3.700 milioni di euro, con un trend positivo di oltre dieci punti percentuali.

Congiuntura, trend e investimenti nel settore cosmetico:
le dinamiche del secondo semestre 2015 e le previsioni per il nuovo anno

Martedì 15 dicembre presso Château Monfort di Milano, torna il tradizionale appuntamento con le rilevazioni congiunturali di fine esercizio. Accanto al commento sui dati di mercato del Presidente Fabio Rossello, il responsabile del Centro Studi Gian Andrea Positano interverrà su "Aziende ed ecosistema digitale" mentre Enrico Giubertoni, Social media strategist e fondatore di Buzzes.eu, approfondirà le tematiche relative alla creazione di un legame di fiducia tramite social media nel rapporto tra azienda e consumatore.

 

Le vendite dirette di prodotti cosmetici

Approfondimento sul canale delle vendite dirette a domicilio: identità, valore del mercato e struttura.
Dati e statistiche realizzati in collaborazione con le due associazioni di settore italiane, Avedisco e Univendita.

Congiunturale 2015 - primo semestre

Per il settore della cosmetica, il 2015 è iniziato con un generalizzato miglioramento degli indicatori economici, come viene evidenziato dalla rilevazione congiunturale online del Centro Studi sui dati preconsuntivi del primo semestre e sulle previsioni relative al secondo semestre 2015. Sicuramente colpisce la ripresa del mercato interno, che negli ultimi esercizi, pur non essendo condizionato più di tanto dalla crisi, aveva rallentato lo sviluppo soprattutto in termini di valore monetario.